Il Barocco abruzzese

Addì 25 di marzo 1613 giorno di lunedi…la Santissima sempre Vergine Maria apparse con veste bianca stellata a Domenico del Biondo della Terra di Petranico nella contrada della Croce andando vedendo il suo seminato…* *(scritta sopra il portale di ingresso di Santa Maria della Croce in Pietranico) Pietranico e Alanno, due piccoli borghi nascosti tra le colline preappenniniche…

Il gioiello del Velino

“INGENII CERTUS VARII MULTIQUE ROBERTUS HIC LEVIGARUM NICODEMUS ATQUE DOLARM…ANNUS MILLENUS VENTENUS QUINQUIE DENUS CUM FUIT HOC FACTUM FLUXIT…VI MENSE OCTOBER” (1) Traduzione: Roberto, dotato di grande e versatile ingegno e Nicodemo, abbozzarono e rifinirono questo lavoro nell’anno mille centocinquanta. Quando questa opera fu compiuta correva il sei ottobre.  La meravigliosa terra d’Abruzzo spesso nasconde veri…

Il Genio Abruzzese

– For the English version, please refer to the end of this page – In una piccola chiesa tra le montagne dell’aquilano, sul finire del Quattrocento, un giovane artista abruzzese arricchì la storia dell’arte con uno spettacolare teatro di affreschi rinascimentali, miracolosamente arrivati sino a noi dopo secoli; tra guerre, saccheggi e terremoti. Appena entrati…

I due Sebastiano

Ho visto un angelo nel marmo ed ho scolpito fino a liberarlo. (1) Una delle più alte espressioni dell’arte rinascimentale abruzzese è rappresentata da due statue lignee policrome raffiguranti San Sebastiano. I due Sebastiano, datati 1478 e 1517, sono opera di due illustri artisti abruzzesi: il sulmonese Silvestro dell’Aquila e l’aquilano Saturnino Gatti. I due artisti, le cui opere…